Vai al contenuto

Cestino

Il tuo cestino è vuoto

Articolo: Profumi fiammeggianti

Parfums enflammés - Mizensir.com

Profumi fiammeggianti

Dai vasi parigini alle ultime versioni dei principali marchi di lusso, le candele profumate illuminano sempre più interni

di Emilie Veillon | collage: Tavola Nausicaa

Oforse tutti si sono già imbattuti nella versione alla vaniglia o al cioccolato che chiude il lungo dedalo di corridoi di un negozio Ikea. Oppure hai annusato una rarità a casa di un amico trovata in uno dei bazar chic di Parigi, Londra o New York. Tutti cercano la loro candela profumata. E questa scia ormai si estende a tutte le sfere del mercato: dalle collezioni casa di Zara alle lussuose custodie di grandi marchi come

rispetto a Dior o Louis Vuitton, comprese le versioni più naturali come quelle di Jardin des Monts o le creazioni all'avanguardia di Cire Trudon e Baobab Collection.

A volte oggetto decorativo o capolavoro profumato a seconda della qualità dei processi di lavorazione e degli ingredienti che le compongono, queste candele seguono gli stessi percorsi delle famiglie olfattive dei profumi per la pelle. Boschetto per il soggiorno. Fiori per la cucina. Muschiato per la camera da letto. O il contrario. Un ottimo mix di odori che variano con le stagioni e gli umori. Perché attribuiamo a queste fiamme d'ambiente virtù rilassanti. Il potere di colorare i nostri interni con l'atmosfera di uno chalet dove scoppietta un camino, un campo di rose centifolia sotto il sole di maggio o un bosco di abeti bagnati dalla pioggia.

COMFORT INTERNO

I più grandi profumieri ne hanno fatto il loro parco giochi. Come Jacques Cavallier-Belletrud, che l’anno scorso ha immaginato quattro candele profumate, L’Air du Jardin, Ile Blanche, Feuilles d’Or e Dehors Il Neige, per Louis Vuitton. In ceramica, firmate da Designer Marc Newson, che possono essere trasportate da una stanza all'altra grazie al manico in pelle cucito a mano nei laboratori della casa. “Tutti vogliono un po’ di lusso nella propria casa. Una borsa serve per uscire. Qualcosa per cui prepararsi. La candela di design è una garanzia del buon gusto della marca che permette di includere la raffinatezza nel proprio benessere quotidiano», analizza Alberto Morillas, maestro profumiere che lavora per i più grandi marchi attraverso Firmenich.

Secondo lui il successo delle candele profumate va di pari passo con la crescente diffusione dei profumi nelle case, nei negozi, nelle sedi aziendali e negli alberghi negli ultimi dieci anni. Le fragranze per ambienti giocano un ruolo nella sensazione di comfort interno e anche nel desiderio di consumare o acquistare. "Finché rimane sottile e limitato a determinati spazi", tempera. Non c'è niente di più invadente di una gioielleria troppo profumata o di un albergo che diffonde la sua impronta olfattiva in tutte le sue stanze e nel suo ristorante oltre alla hall. Il vantaggio della candela sta nel controllo dell'emanazione. Puoi spegnerlo dopo due o tre ore, finché non profuma la stanza.»

In memoria di questo creatore che ha immaginato più di 500 profumi, le prime candele profumate che hanno lasciato il segno – ispirate ai pot-pourri cari agli inglesi – sono state sviluppate in Francia negli anni '60. “Le candele Rigaud erano presenti in tutti i salotti chic dell'epoca, con le loro due coppe d'argento che si incastravano una sopra l'altra.

L'oggetto era importante quanto il suo odore. Viviane e Mario Rigaud, nella loro boutique parigina dall'atmosfera boudoir, avevano sviluppato una formula di cera morbida la cui caratteristica principale è quella di rivelare la ricchezza degli estratti naturali che compongono i profumi Rigaud», continua.

La loro prima creazione, la candela Cypress, di colore verde scuro, in vetro soffiato a mano, fu rapidamente esportata alla Casa Bianca ai tempi di Jacqueline Kennedy. Negli anni '70 seguirono altre candele: Cythère, Tournesol, Gardenia, che finirono sulle prime pagine delle riviste di decorazione. Ora distribuita in più di 30 paesi in tutto il mondo, la collezione Rigaud è

rimase un riferimento per intenditori e residenze d'eccezione. Ciò è dimostrato da un elenco di clienti prestigiosi, come il Principe Alberto di Monaco, il Principe Carlo d’Inghilterra, il Vaticano e persino il Quai d’Orsay.

CANDELE DELL'EMOZIONE

L'altro pioniere francese del genere è Diptyque. Questo elegante bazar a Saint-Germain-des-Prés, Parigi, dove tre candele profumate attirarono l'attenzione nel 1963: biancospino, cannella e tè. Dagli anni 2000 sono stati prodotti quasi mezzo milione di pezzi all'anno utilizzando profumi tematici: floreali, legnosi, speziati, fruttati, erbacei. “Diptyque ha sempre creato candele emozionali che si rivolgono all'élite epicurea. Il fico profuma davvero di un albero. Non è semplice, perché dietro la fiamma c’è tutta una tecnica per garantire una combustione e una diffusione ottimali”, continua Alberto Morillas, che ha fondato con la moglie nel 1999 il marchio di candele profumate artigianali Mizensir, oggi gestito dalla figlia Véronique.

Drogato di profumi sottili anche nella sua casa di Vandoeuvres, il naso aveva preso l'abitudine di creare le proprie cere profumate. Durante una cena ai Morilla, Patrick Firmenich – allora a capo dell'azienda ginevrina specializzata nella creazione di aromi e profumi – e sua moglie si meravigliarono dell'atmosfera olfattiva che vi regnava. “Molto visionario, mi ha suggerito di creare una candela come regalo aziendale per il Natale successivo. È stato un tale successo che abbiamo iniziato a venderli. Così è nato Mizensir, un gioco di parole per mettere la cera, in un omaggio al titolo nobiliare britannico», racconta il fondatore che ha sviluppato un centinaio di referenze, realizzate a mano in un laboratorio ginevrino. Tra queste, una candela è stata appena disegnata dal profumiere per Le Temps. Il ricavato delle vendite sarà devoluto alla ONG Race for Water, che lotta per la salvaguardia degli oceani.

LE MAGAZINE DU TEMPS 12/10/19

gel hydroalcoolique Mizensir
Désinfectant pour les mains

Il disinfettante | Mizensir

Nel bel mezzo di un periodo di reclusione, il Maestro profumiere Alberto Morillas ha avuto l'idea di creare un gel idroalcolico profumato. Secondo la formula del Dr. Pittet, offre un disinfettante...

Saperne di più